Sindrome Brachicefalica (BAOS) nel Cane

– COSA È
– RAZZE CANINE ESPOSTE
– SINTOMI
– CAUSE
– VISITE CONSIGLIATE
– DIAGNOSI
– TRATTAMENTO

COSA È LA SINDROME BRACHICEFALICA

La Sindrome Brachicefalica, detta anche Sindrome Ostruttiva delle via Aeree Superiori, è una condizione patologica che può affliggere il cane (ma anche il gatto) e consiste in un’ostruzione grave e progressiva a carico delle vie aeree superiori; può essere anche indicata con il nome di BAOS, dall’inglese “Brachycephalic Airway Obstruction Syndrome”.

RAZZE CANINE SOGGETTE A BAOS

Sono brachicefali tutti quei cani che presentano una mascella più corta e un accrescimento osseo della testa in larghezza ma non in lunghezza.

 

Tra le razze cane soggette a BAOS troviamo:
– bouledogue francese;
– boxer;
– bulldog;
– carlino;
– cavalier king;
– pechinese;
– shar-pei;
– shin-tzu.

SINTOMI DI BAOS NEL CANE

Il sintomo principale della BAOS è una difficoltà respiratoria del cane.
Questa problematica tenderà ad aumentare di anno in anno; si potrà passare anche molto velocemente da un lieve stato di difficoltà respiratoria, che spesso viene considerata normale dal proprietario, a gravi episodi conseguenti ad attività fisica o a condizioni di temperatura ambientale elevata.

Sintomi precoci, e spesso sottovalutati, di BAOS possono essere lo stertore (rumore inspiratorio a tonalità bassa simile al russare umano) durante il gioco, la passeggiata o il sonno, tosse ricorrente, scolo nasale e un accrescimento stentato.

Tra i sintomi avanzati di Sindrome Brachicefalica si possono elencare dispnea (grave difficoltà respiratoria), stridore inspiratorio, sincope (perdita di coscienza improvvisa), colpi di calore.

I cani afflitti da BAOS soffrono spesso di patologie gastroenteriche come vomito ricorrente, rigurgito, disappetenza.

LE CAUSE DELLA BAOS NEL CANE

I problemi respiratori connessi alla BAOS sono dovuti da alcune anomalie anatomiche presenti nel cane, ossia:

– stenosi (restringimento anomalo) delle narici, causato dalla conformazione schiacciata del naso;
– palato molle allungato e ispessito;
cranio più ampio e corto che porta a una compressione dello spazio nasale e a un’alterata anatomia faringea;
– rotazione dorsale dell’osso mascellare non sempre presente;
– trachea ipoplasica (con dimensione inferiore alla norma); presente in circa il 13 per cento dei cani con sindrome brachicefalica;
– collasso laringeo, presente nel 50-95% dei cani con sindrome brachicefalica, specialmente nel Bouledogue Francese;
– collasso bronchiale;
– eversione (patologico rovesciamento all’esterno) dei sacculi laringei.

VISITE VETERINARIE NECESSARIE

Consigliamo di portare il vostro cane dal veterinario già a partire dai 4-6 mesi di età. È importante infatti valutare da subito la presenza di segni riconducibili a una iniziale Sindrome Ostruttiva (BAOS) e di programmare le indagini successive e l’eventuale correzione chirurgica.

DIAGNOSI

Ecco quali sono gli esami che permettono di valutare il grado di ostruzione in caso di presenza di Sindrome Brachicefalica nel cane:
– esame radiografico del collo (tratto cervicale);
– esame radiografico del torace;
– esame endoscopico delle vie aeree;
– indagine endoscopica del primo tratto gastroenterico, con eventuali prelievi bioptici di stomaco e duodeno.

TRATTAMENTO

Il trattamento della BAOS nel cane è di tipo essenzialmente chirurgico.

Summary
Baos nel Cane | Cosa è, Cause, Sintomi, Trattamento
Article Name
Baos nel Cane | Cosa è, Cause, Sintomi, Trattamento
Description
Cosa è la Sindrome Brachicefalica nel Cane, quli sono le sue Cause, i suoi Sintomi, come si Diagnostica e come si Tratta.
Author
Publisher Name
Clinica Veterinaria Modena Sud
Publisher Logo
Condividi:
Torna in alto